• Web Social Agency

YOUTUBE SHORTS: LA RISPOSTA DI GOOGLE A TIK TOK e REELS



Con il futuro incerto di TikTok negli USA e la comparsa sul mercato di Reels, anche Youtube ha deciso di fare spazio agli utenti da mobile ed è pronta a lanciare Shorts, « un nuovo modo per scoprire, guardare e creare dei brevi video verticali tramite l’app Youtube». L’obiettivo? Incentivare, secondo quanto dichiarato dal vicepresidente Chris Jaffe, i Creators e i quasi 2 miliardi di utenti attivi a pubblicare contenuti di qualità direttamente dal proprio smartphone. COME FUNZIONA SHORTS


Shorts consente quindi di creare video in verticale della durata di 15 secondi o meno, attraverso una fotocamera multi-segmento e un nuovo editor che permette di unire diversi spezzoni di video (come già avviene su TikTok). Non mancano controlli della velocità, timer e countdown per registrare il tutto senza tener premuto alcun pulsante. Infine sarà possibile inserire brani musicali in ogni video da un database proprietario che vanta già più di 100.000 brani a disposizione.

Per accedere alla nuova funzione, Youtube inserirà un nuovo pulsante, creato ad hoc per la realizzazione degli Shorts, nella barra di navigazione dell’app. Dopodichè gli Shorts verranno mostrati agli utenti nella Home Page proprio come ora accade per le storie.




IL BLOCCO DI TIK TOK E IL LANCIO IN INDIA


Youtube ha confermato che la funzione è in fase di test per gli utenti Android residenti in India, come aveva operato anche Facebook per Reels. È interessante il fatto che il colosso Californiano abbia scelto di lanciare la beta in un paese in cui TikTok, insieme ad altre 58 app, è stato bannato. Prima del blocco Bytedance aveva dichiarato che 610 milioni, dei quasi 2 miliardi totali, di download provenivano esclusivamente dall’India. Questa decisione potrebbe aprire degli scenari del tutto nuovi, in particolar modo nel sub-continente, proprio nel momento in cui tutti chiedevano un’alternativa a Reels.

Non abbiamo nessuna notizia certa riguardo la data di uscita globale, ma il roll out definitivo non dovrebbe tardare ad arrivare.

Vincenzo Capparelli

Social Media Manager | Web Social Agency